mercoledì 28 luglio 2010

MaNi A pOsTo



"Harry si balocca con le mani. Il problema di che fare delle mani lo ha sempre travagliato, le sente come sgraziate appendici. Se le ritrova sempre nei posti sbagliati - chiuse tra i battenti di una porta, curiosamente alzate nelle fotografie, imprigionate sotto la moglie dormiente - e oggi non fa eccezione. La sua soluzione preferita, mani in tasca, gli pare un po' troppo disinvolta per la circostanza. Prova a congiungerle davanti all'ombelico, ma sa ridicolmente di pio. Mani dietro la schiena è troppo marziale, più guardia d'onore che marito. E così, come tante volte in passato, decide di lasciarle cadere inerti lungo i fianchi, pennoni abbandonati dal vento."

("Harry, rivisto." di Mark Sarvas, Adelphi, 2009).

E così dopo tre mesi di silenzio, un tempo lungo anche per uno come me a cui le attese non sembrano pesare eccessivamente, decido di tornare a scrivere... {il resto del post lo trovate qui sul FORUM DEI FORSENNATI}

9 commenti:

  1. Ma che grandioso ritorno!!!
    E pensare che stasera non mi sarei neanche dovuta connettere perche' devo uscire e sono gia' in ultraritardo con i preparativi!!!
    E invece l'ho fatto e guarda che bellissima sorpresa mi sono trovata!!!
    Sono andata anche sul forum, e quanto hai scritto mi ha fatto pensare sul tempo che spreco nel fare da spettatrice alle vite altrui, cercando di riempire quel vuoto anche un po' mio, anzi, molto mio, vivendo di riflesso...
    Pero' la luce in fondo al tunnel ora la vedo anch'io, e anche se e' ancora un puntino minuscolo in lontananza, anche se lentamente, anche se piangendo, anche se stringendo i denti per non sentire il dolore, so che ci arrivero', prima o poi...
    Non dimenticarti il logo del premio Dardos da qualche parte!!!
    Un abbraccio e buona serata!
    Dony

    RispondiElimina
  2. Ciao Dony!!
    Il logo del premio sta arrivando... :D
    Anche se blogger oggi fa i capricci! Grrr...

    RispondiElimina
  3. CiaU...davvero noi dobbiamo solo chinare il capo e batterci il petto...nostra culpa..non abbiamo più fatto nulla...potremo dire nulleggiato per il forum...tra poco le attese vacanze e forse...bè...riusciremo ad avere un po' di tempo...
    Speriamo che tutto ti vada bene, iO e Alice

    RispondiElimina
  4. ciao!
    che lettura interessante...
    adoro le paraboliche gesta dell'uomo (stra)ordinario...

    mi auguro per te il destino che prevedi per il tuo "eroe"!!
    =D

    RispondiElimina
  5. Grazie per le info documentaristiche sul criceto, sei una fonte preziosissima!!!
    E poi ho letto anche la proposta che mi hai rivolto sul blog di Memy...
    Ti ho risposto anche lì in realta'...
    Io pero' preferisco che il mio blog mantenga una piega personale, ho scoperto il piacere di raccontarmi con schiettezza...e di prendermi un po' meno sul serio, ridendo dei miei punti deboli!
    Sì, le cose vanno meglio anche rispetto alla mail che ti ho scritto qualche giorno fa'...
    Comunque, ora che giro con la macchinetta sempre in borsa, se ne capitera' l'occasione rendero' omaggio alla mia splendida citta', anche se un soggetto naturale lo preferisco di gran lunga ad ambienti legati alla cultura, e non perche' non apprezzi la cultura, semplicemente mi esprimo meglio così...hai visto quanto sono riuscita ad esprimere con i miei piedi????
    Un abbraccione e buon weekend!!!
    Dony

    RispondiElimina
  6. ciao caro Ed!
    ti ringrazio per essere passato mi fa piacere!!

    Cmq la data è giusta solo che non ho specificato che è uno scritto pubblicato postumo e che prima aveva un altro nome.
    Tuttavia volevo riallacciarmi allo scritto più vicino alla storia shakespeariana,in realtà l'origine del dramma inglese sarebbe da ricercare addirittura nei topoi grechi!

    Grazie comunque per il suggerimento!

    RispondiElimina
  7. bentornato! ogni tanto passavo di qui per verificare un tuo ritorno... mai dire mai, ed eccoti qua^^
    Ho letto attentamente il tuo post, mi ha "incuriosita" quello che dici a proposito dei sentimenti... il fatto di vivere un pò nel riflesso delle gioie degli altri perchè percepisci il vuoto dentro di te (spero di non aver frainteso!) comunque credo di aver provato spesso qualcosa di simile nella mia vita, ma non siamo noi anomali. Dipende anche da chi si ha intorno.
    I sentimenti nascono dentro di noi quando troviamo persone affini, altrimenti restano nascosti in un angolo a mò di "scatolone dei sentimenti in attesa". Insomma, secondo me, il vuoto che sentiamo non è dato dall'assenza ma dalla costrizione creata da questa situazione. Vorremmo dare ma non abbiamo la materia prima: le altre persone.
    E quando riusciamo a trovarle: tutto può cambiare, VERAMENTE, dal bianco al nero.
    Non ci credevo prima che mi succedesse, consideravo questi discorsi utopie di persone che nella loro vita non hanno mai provato il vero dolore.
    Spero di non essere "andata fuori tema" con quello che ti ho scritto e che tu riesca a trovare persone che ti apprezzino per quello che sei, ma davvero. Agli occhi di chi ci vuole bene ogni nostro più piccolo e fastidioso difetto diventa un tenero pregio da apprezzare. Non ci dobbiamo più interrogare su come comportarci, su quello che siamo e che preferiremo essere tutto passa in secondo campo e si apre come una porta dentro di noi dove in primo piano c'è la nostra nuova esistenza attimo per attimo e tutto le cose più nere sono più contenute, inoffensive al fondo della scena.
    Spero che quello che ho scritto renda l'idea di quello che voglio dire^^'
    un abbraccio, Alice*

    RispondiElimina
  8. è tanto che non ti sento!
    come stai?
    sono sparita anche io...
    tutto è complicato.
    ma sono in thailandia ora:D
    ce l'ho fatta davvero Ed.!
    ma il mio problema si è nascosto in valgia
    ed ora mi perseguita pure qui.
    :(

    RispondiElimina
  9. A me frega eccome tutto quello che scrivi!!!
    E concordo su tutto cio' che hai detto, a partire dalla presenza della tv in casa, diventata per me assolutamente futile...
    Non ricordo nemmeno quando ha preso il via il digitale terrestre, e oltre a questo non ho la piu' vaga idea di come sia fatto un decoder...
    Insofferenza e' la parola giusta, a programmi tv e pubblicita', anche se il secondo video che ho postato mi ha colpita particolarmente per le immagini, la musica, le parole recitate dalla voce di un attore che amo particolarmente...
    Questo pero' non significa lasciarmi manipolare, nel senso che il messaggio positivo voglio concretizzarlo, ma senza credere che il prodotto sponsorizzato sia il mezzo senza il quale sarebbe impossibile realizzare tutto cio'...
    E comunque sono contenta di averti ispirata, io pure lo sono stata a mia volta da un'altra blogger, e questo passarsi il testimone rende molto un'idea di condivisione...
    Mi dispiace per la colica renale, ho provato e penso sia uno dei dolori peggiori al mondo, come se ti stessero accoltellando senza pieta'...
    Spero si sia risolto tutto per il meglio e tu ti stia godendo il meritato riposo così bruscamente interrotto!
    Un abbraccio, Dony

    RispondiElimina