mercoledì 27 gennaio 2010

SoLuZiOnE dElL'eNiGmA


Eccomi dunque a rivelare la soluzione del post precedente.
Prima però due parole sulle soluzioni proposte da evaluna e mynameis... Intanto a tutte e due GRAZIE per averci provato!!

Quella di evaluna, non me ne voglia, mi pare molto "italiana" (nel senso di furba)! :-D
Non tiene conto però del fatto che il carcere stesso potrebbe anche non trovarsi in Italia, ragion per cui la manutenzione dei penitenziari potrebbe essere ben più solerte che da noi e prevedere che le pareti vengano pulite o addirittura reimbiancate molto più spesso.

La soluzione di mynameis invece mi ha colpito per la sua semplicità che, come sosterrebbe William of Ockham, di norma è un buon valutatore di efficacia. Tuttavia, pur nella sua estrema logica, credo che anch'essa toglierebbe ogni attrattiva al nostro piccolo giochino e quindi mi sentirei di escluderla attribuendola più a una mancanza del traduttore che non ha specificato che i condannati sarebbero dovuti ri-entrare (e non solo entrare) tutti e 100 nella stanza.

Infine vi dò la mia versione, che peraltro ho ritrovato seppur formulata in modo un po' diverso anche cercando in internet, insieme con altre assai più efficaci ma mooolto più arzigogolate e difficili da spiegare senza un bel po' di matematica.

I 100 prigionieri decidono di eleggere tra loro un Re (uno qualsiasi di loro) e di nominare gli altri 99 come Sudditi. Mentre sono ancora tutti nella stanza per decidere, la lampadina verrà spenta e così dovrà rimanere fino alla prossima visita. Da quel giorno in avanti, ognuno dei sudditi avrà il dovere di presentare un omaggio al proprio Re e dovrà farlo una e una sola volta in vita sua accendendo la lampadina quando verrà portato nella stanza. Se il suddito entrando nella stanza trovasse la lampadina già accesa, egli dovrà lasciare tutto com'è e tenersi il proprio omaggio per una successiva visita. Il Re, invece, ogni qual volta entrerà nella stanza e troverà la lampadina accesa avrà il compito di ritirare il suo omaggio, spegnendo la stessa prima di andarsene, e naturalmente egli dovrà aggiornare il proprio conteggio mentale di una unità ossia un nuovo suddito da cui è stato omaggiato. Se dovesse trovare la lampadina spenta, il Re lascerà semplicemente tutto com'è senza aggiungere nulla ai suoi conti. In pratica, quando il Re avrà ritirato tutti i 99 omaggi dai propri sudditi, egli sarà certo che tutti gli altri oltre a lui sono stati almeno una volta nella stanza. Secondo la matematica e la statistica ciò dovrebbe avvenire mediamente dopo 29 anni, ma può anche darsi che se la fortuna li aiuta il raccolto possa essere più veloce...


--- O --- O --- O ---


Oggi voglio chiudere con una poesia... La dedica è superflua.


Amore di Robert Creeley


Ci sono parole sensuali
come la carne
nel suo umore,
nel suo calore.

Tangibili, ripetono
le certezze,
le comodità,
di esseri umani.

Non pronunciarle
rende astratta
tutta la passione
e infine anche la sua morte.

21 commenti:

  1. Vedi cosa succede a stare un po' di giorni senza leggere i post? Mi perdo i giochini!!!
    Un po' angosciante la situazione raccontata...
    E quando la lampadina si fulmina??
    Mi immagino la scena: il sorvegliante accompagna il carcerato nella stanza, questo accende la luce e la lampadina ZAC, si illumina per un attimo e poi muore. Il sorvegliante riporta il carcerato in cella, torna nella stanza, spegne l'interruttore per non prendere la corrente cambiando la lampadina...e poi? Riaccenderà la luce? 0_o
    Che ansia!

    RispondiElimina
  2. Bè, c'è da dire che se non la riaccende ci vorrà solo qualche anno in più...




    A questo punto c'è solo da sperare che qualche prigioniero non muoia prima di essere andato nella stanza...

    RispondiElimina
  3. http://contrast0.blogspot.com/2010/01/tanto-diverse-quanto-uguali.html
    Allora ti invito a leggere anche questo post,
    si ricollega a tutto quello che hai detto.

    Ti ringrazio d'esser passato e d'aver lasciato un tuo segno.
    Grazie davvero.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Bella la poesia...
    ora ho capito cos'è il "razor of Ockham"
    Ciao!

    RispondiElimina
  5. ciao caro..non avevo mai lasciato il passato con pace ma sempre con rancore...è quello che continuo a sbagliare!Mi hai svelato l'arcano!!mi hai sottolineato in rosso tutti i meno che dimenticavo nelle equazioni...

    RispondiElimina
  6. Perdona la mia zuccaggine, ma la tua soluzione come e' dimostrabile in prove concrete al sorvegliante che ha proposto l'enigma?
    Io almeno posso sperare che il carcere sia Regina Coeli e le impronte di sangue, analizzabili con il test del Dna, sono prove concrete!!!

    RispondiElimina
  7. Eccoci.
    I riti, gli schemi, le convenzioni, secondo noi sono chiamiamoli "utili" in contesti sociali, forse più per comprendersi a vicenda che per altro.
    Tuttavia...sono armi a doppio taglio, perchè generano anche delle incomprensioni pesanti, perchè portano l'uomo ad arrogarsi il diritto di criiche a volte pesanti, in grado di intappolare le anime altrui in perversi meccanismi di colpa, di frustrazione.... e se fossero delle convenzioni così rigide a rovinare tutto???
    Tolgono anche spirito di iniziativa, perchè tendono ad appiattire il pensiero, lo stile e l'arte, ponendo anche censure non dette, taciute, ma presenti.
    Ciò che manca è la flessibilità.
    Siamo in cerca dell'assoluto, ma credo che come esseri umani...non potremo raggiungerlo, tenderci sì, ma arrivarci....arrivare ad avere convinzioni assolute porta alla presunzione, incomprensioe e non crescendo, non evolvendo il pensiero, non confrontandosi...anche a stadi di ignoranza.
    Bè...consigli sui libri....secondo me qusi ogni libro che attira la nostra attenzione (spazzature a parte) è degno di essere letto...come fans di Palanhiuk non posso che consigliarti i suoi, quello che mi è piaciuto di più è CAVIE...
    Buona giornata

    RispondiElimina
  8. @evaluna:
    Direi che la dimostrazione al sorvegliante non è richiesta da come il problema è stato posto. L'importante è essere sicuri al 100% che tutti e cento siano entrati almeno una volta (e il sorvegliante ovviamente questo già lo sa, avendoli accompagnati lui).

    @te e Alice:
    Grazie del vostro consiglio. Lo metto subito nella mia "lista desideri"...

    RispondiElimina
  9. Sai qual'è il dramma? La relatio che devo scrivere riguarda la borsa di studio che mi hanno dato per venire a studiare qua.
    Praticamente suppongo di dover dire le cose belle e positive e socialmente utili che ho fatto.
    Peccato che per ora le uniche idee concrete siano: "Grazie per la borsa di studio, che mi ha permesso di ubriacarmi al karaoke di giorno e di notte... E non dimentichiamo lo shopping sfrenato e le gite fuori porta!♥", ecc ecc...

    Quindi deduco di dover ricorrere alla cara, vecchia ipocrisia.

    xD

    RispondiElimina
  10. io non avevo letto l'indovinelloe l'ho riletto prima di leggere la soluzione (che non ho esattamente capito.. xD)
    comunque sia io pensavo che ogni carcetato potesse scottarsi volontariamente con la lampadina ma poi non reggevva.. Vabbè,c'ho provato.
    Comunque non è mai la frase sul blog,è di una canzone "Allo Specchio" Dante.

    RispondiElimina
  11. Ah, io non ci sarei mai arrivata... tanto per cambiare... ^^"
    E' proprio vero che il difficile è fare le cose semplici...

    RispondiElimina
  12. dal cercare la soluzione mi son tenuta alla larga, però ero curiosa del risultato... il commento che potrei fare nn si può dire- cioè, è stampato sulla faccia, come si fa a trasmettere. Diciamo che è un'espressione di buon umore.
    ; )
    baci!

    RispondiElimina
  13. MA ED! Quella era la versione all'Europea! xD Quando disegno manga io so fare solo super deformed! Quello che hai visto sul mio blog è un grande esempio di realismo per me! xDDDD

    (lo so, sono un caso disperato! xD)

    Grazie comunque! Se vuoi qualcosa di ancor più europeo dovrai aspettare che la reincarnazione vivente di Egon Schiele decida di ritrarmi dopo avermi eletta a sua musa ispiratrice e futura moglie...

    Una ragazza è libera di sognare, no? xD

    RispondiElimina
  14. Una delle cose che mi spinge a sopportare il ritorno è sapere che a Milano faranno una sua mostra.
    Ci andrò ogni giorno, credo...xD

    ps: io li so scegliere sì, sono loro che non scelgono me! ;D (ok, Egon ha l'attenuante del fatto che è deceduto da un po' di anni...==)

    RispondiElimina
  15. Ciao Ed! Mi ha fatto molto piacere conoscerti, sei molto simpatico!:)

    RispondiElimina
  16. Grazie Ed.. siamo qui a ticchettare insieme! levarmi dai piedi coi post non significa sparire subito e rinunciare a rispondere o a spiegarmi: sto proprio dedicando qualche momento a questo perciò ti rispondo subito..
    Che dire? Hai ragione su tutto. Purtroppo però è anche un fatto di tempo, e di competenze, forse.. quello che avevo (ho) bisogno di dire io lo so dire solo così, altri giri di parole me lo renderebbero impossibile. Nn per niente, come ho cercato di spiegare, questo blog è nato più che altro per aiutare ME STESSA. Anche se la spinta decisiva me l'ha data il surreale episodio successo con Krys che, al mio PRIMO commento da me mai fatto su questi blog, mi ha scambiata per sua sorella e ha reagito con il post "SPIAZZATA".
    E' che aiutare se stessi passa molto spesso dal dimenticare un po' se stessi... e in questo caso anche ricordando come "si era". Va bè...
    Resta che lo so che hai ragione su tutto. L'ho sempre saputo; forse l'idea per cui vado sempre dritta per la mia strada, con la mia accetta e senza piedi di piombo, è che al mondo esistono milioni di canzoni.. quel che fa schifo a qualcuno piace a un altro; io cerco e spero di nn far male a nessuno, sorry per quelli che amano o capiscono solo musiche diverse, ma penso che il fastidio che può provocare incocciarmi nn possa andare oltre a un fastidio, e la radio si può sempre spegnere. Se mai farò l'educatore per professione, però, verrò a Canossa: andrò a scuola.
    Grazie!!
    ; )

    RispondiElimina
  17. ehi Ed, grazie anche della pronta risposta-alla-proposta.. anche con controproposta.. sarebbe bellissimo! anche se ancora più complicato
    Intanto, come ho detto anche a Musi, per ora mi piacerebbe pensare anche solo a una frase, un'immagine.. anche solo una piccola cosa che sia in aperta alternativa alla lettera di ana, tipo.. da adottare tutti insieme.

    RispondiElimina
  18. Bella la poesia *___*
    Ora me la copio XD.

    Ed, non so se l'ho già detto..
    Ho dovuto chiudere il blog.
    Il mio ragazzo mi tiene sotto controllo ^^.
    Almeno per un po'.. spero di riaprirlo presto..

    Un bacione!

    ~Stella

    RispondiElimina
  19. Io non posso insegnarti a disegnare... come ho specificato nel post, il biglietto non e' opera mia, l'idea sì ma non la realizzazione...
    Quando invece vuoi fare una gara culinaria, felicissima di sfidarti!!!!
    Un bacione!!!

    RispondiElimina
  20. Lety ti ringrazia per gli auguri sul suo blog:
    http://piccolinatriste.blogspot.com.

    RispondiElimina