martedì 12 gennaio 2010

nUoVa LeTtUrA


Dalla prefazione postuma dell'autore del libro che ho appena iniziato:

"A Rebours" piombava nel mercato letterario come un areolito, suscitando stupore e risentimenti. La stampa ne restò sconcertata; mai essa delirò in sì gran numero d'articoli. Dopo avermi trattato di misantropo impressionista ed aver qualificato Des Esseintes (N.d.R.: il protagonista del romanzo) di maniaco e d'imbecille complicato, i Normalisti, come Lemaître, s'indignarono che non facessi punto l'elogio di Virgilio ed in tono perentorio dichiararono che i decadenti latini del Medio Evo non erano che “dei rimbambiti e dei cretini”.

Altri impresari della critica si degnarono avvertirmi che farei bene a sottopormi in una prigione termale alla sferza delle docce. A lor volta i conferenzieri se ne immischiarono: nella Salle des Capucins l'arconte Sarcey gridava nel suo sbalordimento “Ch'io sia impiccato se capisco una parola in questo romanzo!”.

Infine, perché nulla mancasse al concerto, le riviste gravi come “La Rêvue des Deux Mondes” incaricarono d'urgenza il loro rappresentante, signor Brunetière, di paragonare A Rebours alle vaudevilles di Waflard e Fulgence.

In tutto questo caos, un solo scrittore vide chiaramente: Barbey d'Aurevilly, ch'io del resto non conoscevo neanche. In un articolo comparso sul “Constitutionnel” in data 28 luglio 1884 (articolo che l'autore accolse poi nel suo volume Le Roman Contemporain) egli scriveva:

“Dopo un libro come questo, al suo autore non resta più che scegliere tra la bocca d'una pistola e i piedi della croce”.

Così è stato.

(J.K. HUYSMANS - 1903)


Come inizio devo dire che non c'è proprio male! Un grazie speciale a chi me l'ha consigliato...








Questa immagine non c'entra nulla col resto del post, lo so...


Ma ieri sono stato alla mostra sul Giappone a Palazzo Reale e volevo farvene partecipi.... :-)


Tra parentesi, questo è anche il mio nuovo segnalibro!

9 commenti:

  1. ho iniziato a leggere questo post e già iniziavo a capire che libro fosse.
    L'ho letto anni fa e mi ha lasciata affascinata, ha avuto anche il potere di farmi sentire una merda per tutta la mia ignoranza, mi ha spronata alla ricerca.
    profondo e difficile, dissacratorio e divino, una lettura necessaria e interessante.
    Bella scelta!

    RispondiElimina
  2. wow... un libro che si presenta con questi presupposti... DEVE ESSERE LETTO... o meglio... IO VOGLIO DECISAMENTE LEGGERLO.
    GRazie Ed per aver contribuito alla mia futura crescita intellettuale. :-***
    ;-) Ciauz

    RispondiElimina
  3. Stavo proprio cercando una lettura,appena finisco gli esami della sessione....
    Ah, porto mia sorella e una sua amica appassionata di Giappone alla mostra!Regalerò loro una bella giornata.

    RispondiElimina
  4. Ci è piaciuto leggere il tuo risveglio, l'antitesi del mio direi...ma...spiegaci un po' il finale tra parentesi, spiegami il clik, scusaci se non ci arriviamo....ma magari è un clik utile pure per noi.

    Com'è la mostra sul Giappone?????

    Buona lettura e serata.
    iO e Alice.

    RispondiElimina
  5. Siamo umani, come tali per quanto esseri ampiamente limtitati, siamo anche in grado di compiere imprese gigantesche, di avere delle risorse sconosciute, quei...clik.
    Quel desiderio di cambiarsi e rinnovarsi, che un giorno, esausti dal tormento...arriva,improvviso come un temporale estivo a temperare la calura afosa e dare sollievo.
    Nel frattempo iO e Alice siamo in attesa, un attesa che sfianca per certi versi, ma che ancora non siamo disposte ad abbandonare.
    Anche se sappiamo che il treno ormai è quasi sicuramente perso,la speranza di vederlo tornare non ci ha ancora abbandonato.
    Un buon sabato a te dal wonderworld

    RispondiElimina
  6. Ed.... io devo fare sport. Opterò comunque per uno sport fai da te, che non richieda palestre istruttori o qualunque cosa che costi più di 10euro. In casa ho la cyclette e i pesi (non i manubri, ho quelli che si mettono alle caviglie). E sono molto resistente nel fare gli addominali. Mio fratello, che faceva atletica, mi aveva spiegato come farli facendo lavorare i muscoli il più possibile. Che... altro posso fare oltre ad una corsetta fuori quando il tempo lo permette? Mi daresti qualche consiglio? :-***
    Thank you!!!!! ;-)

    RispondiElimina
  7. Ciao Ed!!
    In questi giorni ti sto pensando di continuo perchè ho sul mio comodino il dvd di Edward mani di forbici!!! ^^
    Il mio ragazzo me l'ha regalato sapendo quanto mi piace...

    Sbaglio o tempo fa mi hai scritto che avevi in serbo una sorpresa per noi??
    Io sono una curiosa cronicaaaaa!!!!!!

    Quanti post che hai scritto e non ho sncora potuto leggere...mi devo aggiornare!!

    Intanto ti abbraccio...

    RispondiElimina
  8. Grazie soprattutto per la parte finale che non c'entra niente con il post, perche' mi hai ricordato che esiste un modo comodo e pratico per tenere il segno, senza ricorrere a quelle terribili pieghe che infliggo alle pagine...so essere così poco fine a volte!!!

    RispondiElimina
  9. @Milly: ti ho risposto nel tuo blog...

    @Kiara: in effetti avevo in serbo qualcosina. Per ora l'ho messa in ghiaccio, per così dire. Prometto che la scongelerò non appena mi tornerà l'ispirazione giusta e vincerò la mia eterna ritrosia a mostrarmi!

    @tutti: grazie dei commenti!

    RispondiElimina