giovedì 10 settembre 2009

mEgLiO sOlI


Solo.

Una solitudine cercata e tutto sommato gradita.

In fondo, uno a cui non importa nulla della vita non può che rifugiarsi in questa condizione.

Non è stato poi così difficile tenere lontano gli altri; chi ci ha provato fino a oggi ha sempre finito per perdersi nel mio labirinto di contraddizioni.

Prigioniero felice del mio stupido complesso di superiorità.


"Every mathematician believes he is ahead over all others. The reason why they don't say this in public, is because they are intelligent people" (A.N. Kolmogorov, 1903-1987).

10 commenti:

  1. Credimi Ed, farei leggere il tuo blog al ragazzo di cui parlo sempre... si rispecchierebbe in te tantissimo... peccato non possa farlo... :-(
    Ma dimmi una cosa? Cosa ci trovi di bello nella vita se ti rinchiudi nella solitudine? Io ci soffro ormai di solitudine... e non è una bella cosa...

    RispondiElimina
  2. @Imperfect:
    il punto è proprio quello di non viverla come una sofferenza. Provare piacere della propria solitudine è assimilabile a una sensazione di onnipotenza. Sapere che nulla e nessuno potranno farti essere diverso da quello che sei. Vincere ogni paura, da quella del confronto con gli altri fino alla più grande di tutte: quella della morte. In fondo che differenza c'è tra essere vivi e essere morti, quando sei TU l'unica cosa che conta?

    Scusa per il delirio... xD

    RispondiElimina
  3. Ma non vuoi qualcuno con cui condividere la vita, le esperienze...?
    Nel senso, io spesso penso di stare meglio da sola. E forse è vero: so come occupare il mio tempo, raramente la solitudine mi annoia. Ho un mondo mio in testa, forse.
    Però ci sono quei momenti in cui vorrei che gli altri ci fossero, che sapessero quante cose belle ho vissuto e da quante tristezza debba essere consolata.
    E allora mi ributto nel vortice, ma anelo al momento in cui sarò di nuovo sola quando mi accorgo che sono afasica, o che gli altri non capiscono... insomma, alla fine rimango da sola nella loro incomprensione.

    Però ogni tanto ci sono dei momenti di contatto. Forse vivo per quelli.

    RispondiElimina
  4. Mhmm...
    Il fatto è che ci si autoconvince (autoinganna come ho scritto nel mio post) di essere felici in determinate condizioni che altrimenti ci creerebbero malessere.
    Quindi ,secondo me, tu ti sei autoconvinto, o almeno provi ad autoconvincerti che puoi stare bene, meglio, da solo... Ma non so fino a che punto questa convinzione possa reggere. è una mania di onnipotenza, la posso capire... Ma penso anche che "Io è un Altro", nel senso che costruiamo di necessità la nostra persona in base a stimoli esterni, al confronto con gli altri... Nell'autarchia non ci è dato vivere, nella solitudine si, ma questa è più che altro una percezione psicologica, ci si può sentire soli anche in mezzo alla gente, anzi anche più soli...
    Spero di essermi spiegata, ad ogni modo il concetto della solitudine rimane affascinante forse perchè "condividerlo" sembra così un contraddittorio :-)

    Trovo belli i post in cui affronti questioni più personali, anche se posso capire che il non esporsi troppo sia una scelta...
    E comunque devi ancora scrivere 10 cose che ti piacciono/ti rappresentano!

    Non puoi sfuggirne!!!XD
    Saluti,

    M.

    RispondiElimina
  5. ciao!!
    prima di tutto vorrei ringraziarti tantissimo x il tuo commento. purtroppo hai dannatamente ragione e le abitudini sono una cosa difficile da cambiare.in casa mia si mangia molto condito, con uno sproposito di carboidrati e olio.. mia mamma è capace di aggiungere un soffritto pure nel minestrone... prova un po' a immaginare che fegato ho!
    sta di fatto che cmq ci devo riuscire, sia x un bene mentale (esteticamente più piacevole e quindi magari un po' meno insicura) sia per un bene fisico (parlo di salute). ti terrò aggiornato!!
    x qnt riguarda la solitudine ti lascio la mia: secondo me è più difficile la solitudine che il contrario: è troppo facile evitare il confronto con sè stessi..

    RispondiElimina
  6. Ciao Ed!
    Grazie mille per il commento^^
    Se mi chiedessero qual è la cosa che mi spaventa di più... Risponderei: LA SOLITUDINE!

    Anche se a volte anch'io penso che si stia meglio soli... ma forse è solo l'insicurezza di stare in mezzo alla gente che spesso mi spinge a isolarmi!

    RispondiElimina
  7. Ciao Ed! DA quanto tempo che non ci sentiamo! Leggendo il post, un po' mi rispecchio...a me piace stare da sola...e mi fa sentire superiore agli altri..anche se non capisco che cosa c'è di bello....sai delle volte penso di restare, sola senza amici, per tutta la vita...perchè non ho bisogno di loro, ma in verità mi piacerebbe avere due o tre amici in più! Aaaaaaaahhhhhhhhh!
    Comunque basta tutta questa depressione!
    Perchè non scrivi un post, allegro...con qualcosa di colorato....?! Tanto non fa mai male a nessuno un po di colore....anche il blog secondo me dovresti farlo di un colore acceso..non nero...poi hai tenuto questo colore fin dall'inizio! Ti consiglio di rinnovarlo...poi se a te piace così...^^
    Se leggi questo commento, poi ti puoi aggiungere ai miei lettori fissi...così non devo in continuazione cercarti tra i post per venire da te?!
    Se sì...mi hai fatto un grande favore!

    Baci

    Midnight

    RispondiElimina
  8. ciao charming, lonely Ed... senti, a proposito della mia observation da Musi.."riguardo alla tua data inaugurale di quella certa cosa, se tanto ci dà tanto dovresti essere partito con il piede giusto..." e tuo dubbio conseguente.
    ... la semplice risposta è che- se la certa cosa è quella che penso, e se tanto mi dà tanto - potrebbe anche essere rinfrescante farci un giro, con te.. La luce potrebbe essere buona.

    ...(è anche vero che, se l'illazione fosse azzeccata, capisci anche tu che cacciare il protagonista nel centro di quel dedalo dove nn si arriva, e dove nn ci sta nemmeno una cuccia a 1 piazza, potrebbe configurarsi anche come sorta di crimine contro la Donnità).

    RispondiElimina
  9. Quoto Enigma... da qualche mese la mia paura più grande è la solitudine... è un errore soffrirne al limite come me e aver paura dell'abbandono da parte di chiunque, così però come è un errore credere di poter andare avanti da soli senza bisogno di nessuno, come ha sempre affermato il ragazzo che frequentavo... uguale a te Ed... in tutto e per tutto... a proposito... vedi di non farmi innamorare virtualmente di te... :D

    RispondiElimina