lunedì 22 giugno 2009

SePoLtO vIvO


La disperazione, quale nessun'altra forma d'infelicità sa evocare nell'essere, la disperazione soltanto mi incalzò, dopo una lunga irresoluzione, a sollevare le mie palpebre pesanti. Le alzai. Oscurita', tutto era oscurità. Sapevo che la crisi era passata. Sapevo di avere da tempo superato l'attacco del mio male. Ero sicuro di avere ormai recuperato pienamente l'uso delle mie facoltà visive, e tuttavia tutto era tenebre, tenebre fitte, era l'assoluta indicibile mancanza di luce della Notte che dura eterna.

Tentai di urlare, e le mie labbra e la mia lingua riarsa si mossero convulse e contemporanee in questo tentativo, ma nessuna voce uscì dai polmoni cavernosi, i quali come oppressi dal peso di una enorme massa montagnosa incombente ansimavano e palpitavano unitamente al mio cuore, a ogni movimento inspiratorio, affannoso e scattante.

Il moto delle mascelle in questo sforzo di urlare mi rivelò che esse erano legate come si fa solitamente coi morti. Compresi inoltre di essere disteso su qualcosa di duro, e da un'analoga sostanza erano pure strettamente compressi i miei fianchi. Sino a quel momento non mi ero arrischiato a muovere uno solo dei miei arti. Ma ecco che ora alzai violentemente le braccia che erano state poggiate in lunghezza con i polsi incrociati. Esse colpirono una materia solida, lignea, la quale si stendeva sulla mia persona a un'altezza dal viso non superiore ai venti centimetri. Infine non mi fu più possibile dubitare di essere veramente adagiato entro un sarcofago.


(Edgar Allan Poe, La sepoltura prematura)

-------------------------------------------------------------------------


Già, perchè in fondo chi può dire se siamo davvero vivi o morti? Quanto è mai labile il confine che separa l'Una cosa dall'Altra?
Posso solo affermare che le mie membra si muovono ancora
Ma chi può dirmi con certezza se non si tratta solo
Di banali stimolazioni elettriche?
Esiste qualcos'altro forse
O siamo semplici
Impulsi?

7 commenti:

  1. Potremmo essere semplici impulsi Ed... chi dice che non ci rigeneriamo e la morte quasi non esiste? Potremmo essere morti... soprattutto tu che al posto degli arti hai milioni di forbici... :D

    RispondiElimina
  2. Poe è da sempre tra i miei eletti!:-p
    Il confine tra la vita e la morte, come del resto tra la veglia e il sonno, è un tema di profondo fascino... Esiste si una morte spirituale che è ben peggiore della morte fisica, ma non mi sembra sia il tuo caso perchè denoti un' acuta sensibilità...
    Non farti traviare dai blog pro-ana, quindi MANGIA ragazzo! E continua a sforbiciare!
    Oltre che a leggere Poe & friends!;-)

    Coi migliori auguri

    M.

    RispondiElimina
  3. @Imperfect:
    Ehi, sei tornata allora! Mi mancano i tuoi post per uscire dal sarcofago... XD

    @Musi:
    il mio e' principalmente un digiuno spirituale, per la verita'... Diciamo una morte apparente, per rimanere in tema.
    Sto ancora aspettando il bacio della principessa, o forse della regina dei vampiri...

    Ed.

    RispondiElimina
  4. Scriverò a breve qualcosa per "accontentarti"... domani mi aspetta un esame all'università, ecco perché ho poco tempo...
    Sicuro di volere il bacio della regina dei vampiri?!?!

    RispondiElimina
  5. ciao Ed, scusa se da un po' che non ci sentiamo! mi potresti fare un favore?! dovresti pubblicizzare questo forum: http://silenziodilenth.forumcommunity.net , me lo ha chiesto, l'autore del libro a cui e' dedicato il forum!
    faresti non solo un favore a me ma anche a lui!

    GRAZIE 10O0


    midnight

    RispondiElimina
  6. ciao Ed, no purtoppo non ci paghera' e' un favore che gli ho fatto io e tutti voi!
    comunque grazie per avermi ascoltata!

    BACI

    midnight

    RispondiElimina
  7. secondo me siamo delle minuscole parti di un sogno di una persona in coma..
    forse sn un po' strana.. cmq nn sei l'unico, la mia testa è sempre dappertutto tranne dove sono io!!

    RispondiElimina